Professional tetto - pannelli fotovoltaici - isolamento tetti
INSTALLATORI IMPIANTI FOTOVOLTAICI - RIFACIMENTO E ISOLAMENTO TETTI - SMALTIMENTO ETERNIT - LUCERNARI
Tipologie di materiali isolanti
  La corretta scelta di un materiale isolante I NOSTRI LAVORI RISPOSTE ALLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI
La nostra ditta utilizza tutti i più comuni materiali di isolamento termico usati in edilizia e grazie al suo team di esperti ti guiderà nella scelta migliore del materiale in base alle vostre esigenze e alle tipologie dell'edificio da isolare.
L'importanza del materiale isolante
Con l'entrata in vigore delle ultime normative che prevedono standard minimi di efficienza per i fabbricati di nuova costruzione ma ancor più con l'introduzione degli sgravi fiscali (detrazioni fiscali 65%), la scelta e l'impiego di materiali isolanti ha acquisito in edilizia un peso sempre più rilevante.
La copertura è l'elemento dell'involucro edilizio che in inverno disperde la maggiore quantità di calore mentre in estate è maggiormente esposto alla irradiazione solare.
Per questo motivo, in funzione della tipologia di copertura, è fondamentale selezionare l'isolante migliore e utile a garantire il miglior rapporto qualità convenienza.

Tabella comparativa materiali isolanti termici

Gli isolanti più diffusi in edilizia
isolante lana minerale
LANA MINERALE
In rotoli o pannelli rigidi, oltre ad essere un ottimo isolante termico è anche un eccellente fonoassorbente e un materiale ignifugo, caratteristiche che la rendono uno dei migliori materiali impiegati in edilizia per proteggere un edificio dal caldo, dal freddo, dai rumori e dal fuoco.
isolante fibra di legno
FIBRA DI LEGNO
In pannelli ottenuti miscelando e pressando fibre di legno con collanti a base di lattice. Hanno buone proprietà termoisolanti e di isolamento acustico e se ad elevata densità resistono ad elevate sollecitazioni di compressione. Hanno un'elevata capacità termica e regolano l'umidità assorbendo e rilasciando l'umidità presente nell'aria, caratteristica per la quale tendono al rigonfiamento.

fibra di cellulosa
FIBRA DI CELLULOSA
Ottenuta da carta riciclata trattata con acidi borici per rendere i fiocchi ignifughi e non attaccabili dagli insetti, è applicata mediante insufflaggio. E' una tipologia di isolamento particolarmente adatta per isolamento di sottotetti ed intercapedini non accessibili e garantisce un buon isolamento termico, un'ottima traspirazione e regolazione dell'umidità. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU' SULLA FIBRA DI CELLULOSA MEDIANTE INSUFFLAGGIO
isolante sughero
SUGHERO
Il sughero è prima di tutto un materiale ecologico, la soluzione ottimale per chi vuole ottenere un buon isolamento termico e acustico sfruttando la naturalità di un materiale ecologico al 100%.
polistirolo estruso(xps) polistirolo espanso (eps)
POLISTIROLO ESTRUSO(XPS) - POLISTIROLO ESPANSO (EPS)
Il polistirolo estruso (XPS) è l'isolante meno nobile e più economico, caratterizzato comunque da un buon potere isolante e discreta resistenza alla compressione. Non attaccabile da funghi e batteri, le sue proprietà si mantengono inalterate nel tempo. Il polistirolo espanso (EPS) è molto simile all'XPS ma ha una migliore resistenza termica. Come per l'XPS, l'elevata resistenza al passaggio del vapore non garantisce la traspirabilità delle superfici sulle quali viene applicato, ragione per cui vanno assolutamente previste barriere al vapore ed accorgimenti utili ad evitare la formazione di condense. Al fine di migliorarne le prestazioni, i pannelli in EPS possono essere addizionati con grafite. Sono isolanti molto leggeri per cui dotati di scarso potere fonoisolante ma possono essere posati su qualsiasi tipo di solaio senza aumentarne i carichi.

isolante puliuretano e stiferite
POLIURETANO E STIFERITE IN PANNELLI E A SPRUZZO
Poliuretano e stiferite sono gli isolanti sintetici più performanti, capaci di raggiungere valori di trasmittanza molto bassi con spessori ridotti. L'estrema compattezza li rende ideali per la realizzazione dei migliori sistemi preassemblati e pannelli sandwich. Gli unici difetti sono sicuramente il ridotto potere fonoisolante dovuto all'estrema leggerezza del materiale e la scarsa traspirabilità caratteristica di materiali così compatti. Il poliuretano può essere applicato a spruzzo, direttamente sulla superficie da coibentare e dosandone i componenti al fine di ottenere spessori e densità predefinite. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU' SUL POLIURETANO A SPRUZZO.


A questi si affiancano poi una serie di prodotti di ultima generazione o biologici, utilizzati per progetti di particolare complessità (nanotecnologie, multistrato, ecc) o valenza ecologica (fibra di lino, fibra di cocco, cotone, lana di pecora, ecc)
Ogni materiale ha caratteristiche termoigrometriche e prestazionali che ne definiscono prestazioni tecniche, ecosostenibilità e benessere negli ambienti immediatamente confinanti. In funzione di queste caratteristiche viene fatto un primo raffronto fra le diverse tipologie di materiali isolanti, utile al fine di poter selezionare il prodotto migliore per il caso di studio specifico.


In funzione dell'intervento si andranno pertanto ad utilizzare isolanti compatti e resistenti alla compressione se gravati da carichi importanti e/o pedonabili, isolanti dall'elevato isolamento termico ove vi sia la necessità di ridurre lo spesso re del pacchetto di coibentazione, isolanti dall'elevato isolamento acustico in presenza di contesti ambientali molto rumorosi, isolanti con ottime classi di reazione al fuoco per specifiche applicazioni, isolanti ad elevata traspirabilità per migliorare il confort estivo degli ambienti sottostanti ed evitare la formazione di muffe e condense.
Il pacchetto di copertura può essere realizzato all'estradosso del solaio di copertura o, se presente, all'interno del sottotetto.


Applicazione dell'isolamento all'interno di sottotetti

L'applicazione dell'isolamento nel sottotetto riduce sicuramente i costi dell'intervento in quanto evita i costi relativi a ponteggi e oneri per la sicurezza, la rimozione ed il successivo riposizionamento del manto di copertura, l'adeguamento di canali e lattonerie in genere alla nuova altezza del pacchetto di copertura. Ai vantaggi economici si aggiunge poi la possibilità di coibentare direttamente l'elemento che divide ambiente riscaldato da ambiente freddo (solaio piano), evitando di disperdere calore all'interno del sottotetto.
Se il sottotetto si presenta libero da ingombri ed accessibile si possono utilizzare lane in rotoli o pannelli rigidi, se praticabile. Spesso non sono richiesti spessori ridotti per cui si preferisce utilizzare lane e fibre che, a fronte della maggiore altezza del pacchetto di coibentazione, garantiscono uno sfasamento termico migliore e di conseguente una migliore vivibilità degli spazi sottostanti nelle stagioni più calde.
Se il sottotetto presenta invece ingombri e o elementi strutturali che rendono difficile il posizionamento di pannelli e feltri tradizionali, si preferisce utilizzare poliuretani la cui applicazione a spruzzo garantisce l'impermeabilizzazione del solaio e degli elementi ad esso connessi, riducendo i ponti termici che si verrebbero a creare prevedendo altre tipologie di isolamento.
In casi ancora più estremi, ovvero in presenza di sottotetti non praticabili per la presenza di muricci e/o altezze eccessivamente basse, si prevede l'insufflaggio di fibre di cellulosa. Questo tipo di isolamento coniuga le ottime caratteristiche della fibra di cellulosa alla potenzialità dell'applicazione mediante insufflaggio, applicazione utile a raggiungere spazi difficilmente raggiungibili garantendo una distribuzione uniforme del coibente.

Applicazione dell'isolamento all'estradosso di coperture piane o inclinate

La posa in opera del nuovo pacchetto di coibentazione in copertura ha il vantaggio di garantire l'assenza di ponti termici realizzando un involucro continuo all'esterno del fabbricato.
Se è l'unica soluzione in presenza di solai a vista, è comunque consigliato in presenza di coperture obsolete e manti deteriorati che, se non sostituiti, potrebbero causare infiltrazioni di acqua danneggiando eventuali isolanti posanti all'interno del sottotetto.
Si deve ricordare che un buon sistema tetto deve essere composto da diversi strati:
  • Barriera al vapore
  • Pacchetto di coibentazione
  • Ventilazione o microventilazione
  • Telo impermeabile sotto tegola
  • Manto di copertura
In alcuni casi il sistema viene costruito assemblando in opera i diversi strati, in altri si preferisce utilizzare sistemi costruttivi preassemblati tipo Isotec. In presenza di vincoli che limitano l'altezza del pacchetto si preferisce utilizzare isolanti più compatti quali Poliuretani o Stiferiti mentre si predilige l'utilizzo di Lane e Fibre di Legno quando si ha la necessità di garantire un maggior confort estivo agli ambienti sottostanti.
E' possibile rinunciare ad uno o più degli strati consapevoli tuttavia che il minor costo del sistema corrisponde ad una minore qualità del tetto. Spesso, ad esempio, ci troviamo ad intervenire su coperture dove il manto (tegole o coppi) è semplicemente appoggiato o schiumato ai pannelli sottostanti. Questo tipo di posa, priva di ventilazione, non presenta particolari problematiche nell'immediato ma non offre le medesime garanzie di una copertura realizzata a regola d'arte. L'assenza di ventilazione provoca, nelle stagioni più fredde, la formazione di condensa sotto tegola riducendo notevolmente la vita utile del manto di copertura, soprattutto se in cotto e di scarsa qualità. Si consideri poi che qualsiasi produttore di tegole ne prevede il fissaggio meccanico su sottostante listellatura, in assenza della quale la garanzia del produttore decade.
Ultimamente trovano largo impiego coperture metalliche e pannelli sandwich costituiti da lastre grecate in lamiera o alluminio preaccoppiate ad uno strato di coibente interno (generalmente poliuretano). Rappresentano la soluzione più economica e sicuramente consigliata per coperture artigianali e/o industriali in quanto non necessitano di manutenzione e sono in grado di raggiungere ottime trasmittanze con spessori relativamente contenuti (10/12 cm). Per estenderne l'utilizzo a coperture residenziali sono presenti in commercio profili diversi dal tradizionale profilo grecato, volti a ricreare l'effetto estetico delle tradizionali coperture in coppi o tegole. In determinati casi coperture di questo tipo possono risultare una soluzione economica ed efficiente ma richiedono un'attenta progettazione che tenga conto della rumorosità dei pannelli in caso di pioggia e delle elevate temperature raggiunte dalle coperture metalliche nelle le stagioni più calde.

Insufflaggio fibra cellulosa
Link alla pagina dedicata : fibra di cellulosa mediante insufflaggio
CONTATTACI PER UN PREVENTIVO GRATUITO LE NOSTRE INSTALLAZIONI RISPOSTE ALLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI
Professional Tetto installatori pannelli fotovoltaici - rifacimento e isolamento tetti di qualunque genere Professional Tetto srl - Via della scienza n.31   25039 Travagliato (Brescia)   Tel/fax 030 3379516
P.IVA e C.F. 03588870984      CAP SOC I.V. € 10.000,00     REG.IMP. DI BRESCIA N° 03588870984     R.E.A. BS 546906
Installatori pannelli fotovoltaici, rifacimento e isolamento tetti, smaltimento e bonifica eternit a Brescia, Bergamo, Mantova, Cremona, Milano, Como, Padova, Verona, Varese...
Sito internet ideato e realizzato da SERS INFORMATICA software gestionali e applicazioni web